Posts Tagged ‘La Spezia’

I debiti del condominio approvati si possono riportare…

condominio-2

I DEBITI DEI CONDOMINI APPROVATI NEI RENDICONTI PRECEDENTI SI POSSONO RIPORTARE IN QUELLI SUCCESSIVI?

 Nel conto annuale di chiusura, comunemente chiamato anche rendiconto o bilancio di fine esercizio può capitare (in vero sempre più frequentemente in tempi di crisi), agli amministratori di condominio di riportare i debiti di condomini anche nei successivi anni condominialistici di gestione.

Un aiuto concreto per gli alluvionati di Genova

Alluvione-Genova-2014

L’APPC, Associazione Piccoli Proprietari Case, nell’esprimere la solidarietà agli alluvionati del Genovesato, tra le varie iniziative intraprese a favore della popolazione alluvionata ha pensato di dare un proprio concreto aiuto, a chi durante l’evento, ha perso il proprio computer, mettendo a disposizione gratuitamente a tutti gli alluvionati i propri tecnici informatici per consentire l’istallazione e configurazione di nuovi computer, con realizzazione della rete locale, configurazione internet e con ripristino dei software gestionali.

Genova: Alluvione del 10 ottobre 2014

alluvione-genova

APPC, da sempre a tutela dei piccoli proprietari da sempre colpiti da un’eccessiva tassazione fiscale sulla casa, invia una nota a Roma per richiedere una moratoria fiscale di almeno un anno per le attività economica interessate all’evento calamitoso del 10 ottobre a Genova.

Il decreto sblocca Italia e APPC…

sblocca-italia

Con il decreto “sblocca Italia” è stata recepita dal governo  la richiesta   dell’Appc di esentare dall’imposta di registro e di bollo gli atti aventi per oggetto la riduzione del canone di locazione.

All’uopo si riporta, per opportuna conoscenza l’articolo 19 del D.L.12.09.2014 n°133, entrato in vigore il 13.09.2014

Il governo Letta fa precipitare rovinosamente il mattone

cameradeputati

La  scellerata politica di tassazione della casa perpetrata dall’attuale governo  “Letta delle larghe intese” ha annientato il mattone. E’ giusto ricordare ai  cittadini come “le larghe intese” vengano utilizzate dal governo solo per  colpire nella direzione dell’unico “attenzionato”: il mattone. E’ per questo che  siamo giunti al punto in cui mantenere gli immobili sta diventando impossibile a  causa della pressione fiscale, che, unita ai pesanti costi di gestione, toglie  ogni respiro: ecco come l’investimento si abbatte sul disperato cittadino.

810.000 posti di lavoro nel settore immobiliare in meno e pressione fiscale alle stelle!

condominio

Mentre si sono persi 810.000 posti di lavoro nel settore immobiliare, non si cambia, ma si continua ad esasperare la pressione fiscale!