Macigno imperscrutabile che affonda il mattone, scagliato contro l’Italia dalla Commissione UE

L’ingerenza dei “Saloni” della Commissione UE, contenuta nell’ “European semester Country Report Italy 2018” sul carico fiscale degli immobili è arrivata come un macigno, creando nuova incertezza e precarietà.

Data la, già, così difficile situazione, ci sarebbe stato bisogno di ben altri segnali, quali l’attesa riduzione del carico fiscale e non di “raccomandazioni in controtendenza” che, messe in atto, affonderebbero del tutto il settore immobiliare.

Mentre l’Italia, si trova ad affrontare un momento delicato della vita politica, con la formazione di un nuovo governo e si appresta a cambiare pagina sulla tassazione, confermata anche dall’esito elettorale, nella lettura, le raccomandazioni, giunte dalla Commissione UE, di aumentare il carico fiscale su consumi ed immobili, oltre ad esercitare una vera e propria interferenza sulla determinazione della politica fiscale del nostro Paese, appaiono del tutto irresponsabili.

E’ veramente diabolico pensare di “raccomandare”, tra l’altro, anche il ripristino della tassa sulla prima casa, sia pure, con la variante collegata ai redditi più alti.

I suggerimenti contribuirebbero al naufragio di un settore, già in profonda crisi, e, anziché produrre quello sviluppo e crescita necessari, si porterebbe il Paese a sfiduciare del tutto qualsiasi investimento sulla casa, già ritenuto non concorrenziale dagli investitori, che si sono orientati su paesi più competitivi.

E’ incomprensibile che si sia pensato di “raccomandare” l’innalzamento della tassazione sugli immobili in un Paese, laddove gli stessi sono tra i più tassati rispetto a quelli degli altri paesi europeiper creare ricchezza e sviluppo economico l’imperativo categorico è “abbassare l’asticella delle tasse”.

Accrescere l’imposizione fiscale sugli immobili porterebbe l’Italia, Paese, da molto tempo, non più competitivo e con un mercato asfitticoad essere priva di qualsiasi futuro immobiliare: una vera e propria catastrofe per l’intera economia!

Non avrebbe fatto meglio l’Unione Europea a dare suggerimenti e “raccomandazioni” sull’immigrazione distribuendo il carico anche sugli altri Paesi, dotandosi di una politica sull’immigrazione , in grado di garantire una distribuzione equa dei costi per un’emergenza che riguarda tutta l’Europa e non solo l’Italia lasciata a confidare sulla sua “buona stella”?

dott. Flavio Maccione
segretario generale nazionale APPC

Condividilo!
Responses are currently closed, but you can trackback from your own site.

Comments are closed.