Nuovi adempimenti e aggravio sui condomini

amministratore-condominio

NUOVI ADEMPIMENTI PER GLI AMMINISTRATORI DI CONDOMINIO CON AGGRAVIO DI COSTI PER I PICCOLI PROPRIETARI

  1. Comunicazione dati detraibili entro il 28 febbraio 2017

Entro il 28 febbraio 2017, gli amministratori di condominio dovranno inviare all’Agenzia delle Entrate, per via telematica, una comunicazione contenente i dati relativi alle spese sostenute nel 2016 dal condominio, con riferimento agli interventi di recupero del patrimonio edilizio e di riqualificazione energetica effettuati sulle parti comuni di edifici residenziali nonché’ con riferimento all’acquisto di mobili e di grandi elettrodomestici per l’arredo delle parti comuni dell’immobile oggetto di ristrutturazione. Nella comunicazione dovranno essere indicate le quote di spesa imputate ai singoli condòmini.

Il nuovo adempimento e’ finalizzato all’elaborazione delle dichiarazioni precompilate ed  e’ previsto dal decreto del 1° dicembre 2016 del Ministero dell’economia e delle finanze, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale.
Per quanto concerne le modalità tecniche per inviare la comunicazione in questione (che dovrà effettuarsi entro il 28 febbraio di ogni anno con riferimento alle spese sostenute nel corso dell’anno precedente), si dovrà attendere un apposito provvedimento del direttore dell’Agenzia delle entrate.

  1. Ritenute sui corrispettivi dovuti dal condominio

La Legge di Bilancio 2017 (art. 1, comma 36 L. 232/2016) ha previsto che il condominio – in qualità di sostituto d’imposta – è tenuto al versamento della ritenuta del 4% a titolo di acconto sui corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto di opere o servizi, solo al raggiungimento di una soglia minima della ritenuta pari a 500 euro.              Nei casi in cui non sia raggiunto l’importo minimo, il condominio è comunque tenuto all’obbligo di versamento entro

  • il 30 giugno e
  • il 20 dicembre di ogni anno.

La novità decorre  dal 1° gennaio 2017, ossia per i corrispettivi pagati da tale mese.

ALLO STATO LA NORMA PRESENTA INCERTEZZE OPERATIVE, per cui, in attesa di chiarimenti ufficiali, si ritiene che sia  corretto  continuare ad operare come in passato , effettuando il versamento delle ritenute di acconto nei termini e nei modi conosciuti .

Nulla cambia, invece, riguardo le altre ritenute,( es. ritenuta 20%)

  1. Pagamenti con modalità tracciabili

E’ stato previsto che il pagamento dei corrispettivi dovuti per prestazioni relative a contratti di appalto resi a condominii, deve essere eseguito con modalità tracciabili:

  • mediante conti correnti bancari o postali,
  • attraverso altre modalità che consentano il controllo da parte dell’amministrazione finanziaria.

L’inosservanza di tale obbligo e’ punito con la sanzione da 250 Euro a 2mila Euro.

dott. Flavio Maccione

Segretario generale nazionale APPC

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.