Lo stato predatore

stato-predatore

Secondo il vocabolario della lingua italiana Devoto Oli predare significa far proprio con azioni di guerra o con la forza e la violenza.

La super stangata fiscale che il 16 dicembre si abbatte sui cittadini italiani non sarà tecnicamente un atto di guerra (certamente è un atto di guerra alla ragionevolezza e all’equità) ma è difficile negare che rappresenti l’ennesimo sopruso ai danni della sventurata categoria dei proprietari di casa, i paria dei contribuenti, la casta più negletta dei sudditi di una repubblica che agonizza tra scandali e tasse.

In tre anni le imposte sulle case locate a canone concordato sono aumentate del 236%, su quelle a canone libero del 150%, sugli uffici del 144%, sui negozi del 140%, sulle seconde case sfitte (perché non si riesce ad affittarle) del 115%, sui laboratori artigianali del 108%, su alberghi e pensioni del 96%, sui capannoni industriali del 95% (Fonte CGIA Mestre).

Però a parole si è fatto moltissimo, come dimenticare quelle di Enrico Letta alle Camere (29 aprile 2013) quando ha esposto il programma di governo “Poi una politica fiscale della casa che limiti gli effetti recessivi in un settore strategico come quello dell’edilizia, con includere incentivi per ristrutturazioni ecologiche e affitti……” e quelle di Matteo Renzi sempre alla Camera (16 settembre 2014) nell’illustrare l’ambizioso programma dei mille giorni “l’ultima chance per far ripartire il paese” che prevede(va) un fisco “più semplice e meno caro”.

Si vede che ai giovani presidenti ed ex presidenti del consiglio piace scherzare, anche se si tratta di scherzi di pessimo gusto. Allora rimaniamo nell’umorismo macabro e visto che governo e parlamento stanno procedendo ad una grande riforma costituzionale, proporrei di integrarla abolendo le prima riga del secondo comma dell’art. 47, oggi assolutamente priva di senso se non addirittura incomprensibile.

Cosa dice?”La Repubblica favorisce l’accesso del risparmio popolare alla proprietà dell’abitazione”.

Che barzelletta, peccato non faccia ridere.

 

Mario Fiamigi

Vice Presidente Nazionale APPC

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.