APPC: NO AGLI AUMENTI IMU-TASI

condominio (1)

Se il Governo smentirà il Parlamento,

mobilitazione totale dei piccoli proprietari di casa

 

L’APPC-Associazione Piccoli Proprietari Case esprime tutto il proprio sconcerto per le indiscrezioni secondo le quali il Governo sarebbe in procinto di dare seguito alla richiesta dell’ANCI di elevare l’aliquota massima della TASI dal 2,5 per mille al 3,5 per mille e l’aliquota massima IMU-TASI dal 10,6 per mille all’11,6 per mille.

Se il Governo decidesse di contraddire la scelta appena fatta dal Parlamento, che ha fissato nella legge di stabilità i due limiti del 2,5 per mille e del 10,6 per mille, i piccoli proprietari di casa italiani non potranno che prendere atto che l’attuale Esecutivo ha dichiarato loro apertamente guerra e non potranno più esimersi dall’assumere iniziative di contrasto di natura eccezionale, con una mobilitazione senza precedenti.

Il Presidente Letta – conclude l’Associazione Piccoli Proprietari Case – ha l’occasione per chiarire subito da che parte stia: se da quella delle famiglie che hanno faticosamente investito i propri risparmi nella casa o se da quella di tutti coloro che vorrebbero ulteriormente spremere una categoria che negli ultimi due anni ha pagato maggiori imposte, rispetto al 2011, per oltre 25 miliardi.

 

 

dott. Flavio Maccione

Segretario Generale APPC

avv. Marco Evangelisti

Presidente Nazionale APPC

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.