Successione nel contratto di locazione

sentenza_utenze

Successione nel contratto di locazione , convivente more uxorio

La Corte Costituzionale aveva dato il via libera alla successione del contratto di locazione in favore del compagno o della compagna anche quando non c’erano figli della coppia, dichiarando incostituzionale l’articolo 6 della legge 392/1978 nella parte in cui escludeva i conviventi more uxorio.

La Corte di Cassazione, con sentenza n. 3548/13, ha esteso la portata dei diritti dei conviventi, chiarendo che il diritto al subentro sussista non solo quando la persona deceduta sia originaria titolare del contratto di locazione, ma anche quando sia subentrata a sua volta nel contratto a causa di morte dell’originario conduttore.

Nel caso di specie, il convivente more uxorio di una donna deceduta, richiedeva il subentro nel contratto di locazione di un immobile di proprietà di un ente previdenziale, divenuto casa familiare di lui e della compagna, ai sensi dell’art 6. Della legge 392/78 (estendibile loro grazie alla sentenza della Corte Costituzionale del 1988).

L’Ente previdenziale eccepiva la possibilità di effettuare un solo subentro rispetto al conduttore originario, e in questo caso, c’era già stato in favore della figlia del conduttore, poi deceduta. Concorde l’opinione del Tribunale di primo grado, disattesa poi dalla Corte d’Appello, che invece intendeva il diritto a maglie larghe. Contro la decisione della Corte d’Appello, fa ricorso l’INPS, proprietaria dell’immobile.

La Cassazione rigettava il ricorso dell’Ente Previdenziale, negando la limitazione e confermando il diritto del convivente al subentro, facendo così prevalere la specifica funzionalità del godimento abitativo dell’immobile, quando, per legittima scelta del conduttore, ne sia diventato la casa familiare ( di un nucleo di diritto o di fatto).

Ritiene infatti la Cassazione che lo scopo perseguito dalla norma sia quello di assicurare il “godimento abitativo” della casa scelta come abitazione familiare, senza discriminazione alcuna tra coppie di diritto e di fatto.

 

avv. Rosa Maria Ghirardini

Vicesegretaria nazionale

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.