La questione fiscale

questione-fiscale

Non ci sono parole per definire l’inverecondo balletto sulle tasse della casa.

Il Governo prima e il Parlamento ora stanno battendo ogni record di stoltezza e di disprezzo verso i contribuenti, che, tanto per ricordarlo, non sono una realtà astratta ma persone in carne ed ossa, sfortunati cittadini di uno stato sordo, ottuso e a questo punto, nemico.

Non sappiamo se l’appena varata Trise,(nata per sostituire la Tares, ex Tarsu) sgradevole creatura bicefala costituita da Tari e Tasi, abortirà senza emanare il primo vagito in favore del nuovo parto Tuc, che dovrebbe sostituire l’IMU e, per l’appunto il Trise.

Una farsa dal finale comunque amaro se tutti gli analisti prevedono un aumento di tassazione sugli immobili di 10 milioni di euro in più rispetto al 2013.

Era stata promessa una service tax -commisurata ai servizi forniti dai comuni e pagata da chi occupa l’immobile che avrebbe sostituito l’IMU, quindi avremmo dovuto supporre che si sarebbe trattato di un’unica tassa, comprensibile, perché avrebbe rappresentato il corrispettivo del servizio fornito, la cui qualità, unitamente alla congruità dell’esborso, sarebbe poi stata giudicata dai cittadini al momento delle elezioni.

Da non credere, scrivevamo nel momento in cui il Ministro Saccomanni annunciava (conferenza stampa del 28 agosto 2013) questo mirabolante cambiamento verso l’equità, la serietà, la razionalità.

Scrivevamo anche, ed eravamo facili profeti, che non ci credevamo, ma era difficile supporre che, oltre ad aumentare il prelievo, oltre ad avere ripresentato una IMU camuffata male, avrebbero creato questa ignobile proliferazione di sigle che di per sé costituisce un sopruso verso i cittadini, soprattutto i più deboli, le persone anziane e quelle meno scolarizzate.

Una vera indecenza che è indice del mortificante livello a cui sono state ridotte le istituzioni di questo paese.

Avv. Mario Fiamigi

Vice Presidente APPC

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.