Il vizio grave non esonera il locatore

affittielocazione

La sentenza Cass. n. 19806 del 28/08/2013 ha stabilito che la clausola contrattuale di gradimento del bene, che pone a carico del conduttore l’onere di adattamento, non opera se il locatore ha sottaciuto la presenza dei vizi o se questi sono di gravità tale da rendere impossibile il godimento dell’immobile (fattispecie riguardante l’occlusione dello scarico).

Non è, pertanto, sempre sufficiente ad escludere la responsabilità contrattuale del locatore il riconoscimento, da parte del conduttore, che il bene sia di suo gradimento ed idoneo all’uso convenuto, clausola quasi sempre riportata sui modelli di contratti più utilizzati.

 

Avv. Paolo Gatto

Responsabile centro studi A.P.P.C.

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.