Cittadini di diverse categorie

certificazione-energetica

No al pagamento della certificazione energetica. Tra le battaglie portate avanti dall’A.P.P.C, l’associazione piccoli proprietari di case c’è anche quella sull’ennesimo balzello introdotto dal Pirellone e che vede i cittadini Lombardi più penalizzati rispetto quelli di altre Regioni.

Nello specifico, al centro della contestazione mossa dalla nostra associazione c’è l’obbligo, in caso di locazione di un appartamento, di dover ricorrere ad un professionista per la certificazione della classe energetica in cui ricade l’immobile.  Oneri aggiuntivi per i proprietari lombardi che, se trasgrediscono al  provvedimento-balzello, rischiano multe salate.

Infatti,  con la delibera di Giunta n. IX/2555,  il  24 novembre 2011, la regione Lombardia ha dato attuazione alla L.R. n. 24/ 06 prevedendo oltre l’obbligo della certificazione anche  in caso di locazione una sanzione che va da 2.500 a 10 mila euro. Oltre al danno anche la beffa: infatti questo provvedimento non  stimola  certo la ripresa del mercato delle locazioni.

Dunque, non siamo assolutamente contrari alla sicurezza degli edifici che riteniamo prioritaria ma contestiamo la disparità dell’applicazione della norma nelle altre regioni Italiane.

In Toscana,  tanto per esempio un esempio, se l’unità immobiliare non è dotata dell’attestato di certificazione energetica, il proprietario può effettuare un’autocertificazione . Detto questo, recependo quello che ci chiedono gli associati, chiediamo al legislatore Lombardo di rivedere la legge e dare la possibilità al proprietario di autocertificare la classe energetica del suo immobile da locare. Solo se le verifiche del caso, da parte delle preposte autorità accerteranno un falso, dovrà essere applicata l’equa sanzione come, del resto, già avviene per tutte le autocertificazioni previste dalla legge.

 

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.