Il parlamento ha approvato la riforma del condominio

governo-italiano

Il Parlamento ha approvato, in via definitiva, l’attesa riforma del condominio, che, da settant’anni, attendeva una radicale revisione. L’Appc, associazione piccoli proprietari case, interpretando le reazioni dei propri associati esprime grande delusione: sostanzialmente si registra che ci si è limitati a trasformare in norma quei principi che in giurisprudenza avevano trovato ampia applicazione, comunque, non emergono rilevanti modifiche e quelle approvate sembrano già dare adito all’insorgere di nuovi contenziosi.

Il condominio continuerà ad essere definito “ente di gestione”, infatti non ha visto la luce la rivoluzione copernicana condominiale che doveva attribuirgli capacità giuridica, come avviene negli altri paesi europei; così è mancato quel salto di qualità, richiesto anche da Appc, per valorizzare l’istituto del condominio e la figura dell’amministratore: una riforma già tutta da riformare.

dott. Flavio Maccione

segretario nazionale Appc

Condividilo!
You can leave a response, or trackback from your own site.

Leave a Reply

You must be logged in to post a comment.